Adengo Bayer

Produrre di più, in modo sostenibile è l’obiettivo numero uno di ogni imprenditore agricolo. 
Tale risultato è però raggiungibile solo applicando la miglior gestione agronomica della cultura, scegliendo prodotti innovativi in grado di garantire elevati standard di efficienza.
Fra questi rientra anche il nuovo formulato Bayer.

Il mais rappresenta uno dei cereali oggi più coltivati al mondo, secondo solo a grano e riso, per importanza economica ed alimentare. In Italia e nella Pianura Padana, la sua coltivazione ha storicamente rappresentato una delle principali fonti di sostentamento per le aziende agricole.

confezione Adengo

Oggi le stesse aziende devono confrontarsi sul mercato mondiale con realtà come quelle tipiche degli USA, dei paesi dell’America del Sud e dell’est Europa, areali ben più vasti, con potenzialità produttive notevolmente più importanti delle nostre.

Per poter giocare ancora un ruolo chiave nell’economia globale va necessariamente perseguito un unico obiettivo: il raggiungimento della massima efficienza possibile, puntando ad ottenere i migliori livelli di produttività e redditività agricola, riducendo i costi e rispettando allo stesso tempo l’ambiente.

Facile a dirsi! Ma… a farsi?

Negli ultimi anni da più fronti sono arrivate diverse risposte importanti, che hanno contraddistinto l’evoluzione delle tecniche agronomiche applicate alla coltivazione del mais.

Le ditte sementiere hanno lanciato sul mercato ibridi sempre più produttivi ed in grado di adattarsi a densità di semina sempre crescenti. I produttori di macchine ed attrezzature agricole hanno puntato sull’agricoltura di precisione, offrendo strumenti in grado di assicurare notevoli vantaggi in termini di abbattimento dei costi, si pensi ad esempio alla possibilità di effettuare semina e concimazione a rateo variabile.

Ruolo chiave in questo scenario gioca indubbiamente anche la gestione corretta e sostenibile dei prodotti fitosanitari e degli erbicidi. In tal senso, per il controllo delle malerbe del mais, fra le varie proposte presenti sul mercato, spicca Adengo Xtra, il nuovo erbicida Bayer con spettro d’azione completo e altamente selettivo, ideato per rispondere al meglio ai requisiti di flessibilità, praticità e sostenibilità in agricoltura.

Abbiamo pensato di “toccare con mano” e valutare di persona gli effetti di Adengo Xtra, e particolarmente “illuminante” a tal proposito è stata la nostra duplice uscita in alcune aziende collocate nella prima periferia di Udine.

Gli scorci ed i paesaggi offerti dalla pianura della provincia friulana, fanno da cornice ai due video con i quali abbiamo pensato di riassumere quanto visto ed appreso sul nuovo erbicida Bayer.

For privacy reasons YouTube needs your permission to be loaded.
I Accept

Le riprese del primo video, dal titolo: “Adengo Xtra – Bayer – Impiego nella Concept Farm Dekalb”, sono state girate a Pradamano, in provincia di Udine, presso l’azienda Cencig, Concept Farm per Dekalb.


La Concept Farm per Dekalb, è una scuola a cielo aperto, dove si possono testare e toccare con mano tutte le innovazioni tecnologiche messe a disposizione degli agricoltori per ottenere il massimo dalla coltura del mais. 
Fra queste troviamo, oltre ai più performanti ibridi Dekalb, anche Adengo Xtra di Bayer, la nuova formulazione di Adengo più concentrata che consente di operare il diserbo su mais dalla pre-emergenza, fino alle tre foglie della coltura.

A spiegarci nel dettaglio le caratteristiche della Concept, del nuovo Adengo Xtra, nonché i risultati ottenuti sono stati rispettivamente: Milagros Celiz Maria, Market Development Rapresentative per Dekalb; Orietta Vidali, Field Marketing Specialist per Bayer e Fabiano Cencig, agricoltore e proprietario dell’Azienda Agricola F.lli Cencig.

For privacy reasons YouTube needs your permission to be loaded.
I Accept

Nel secondo video, intitolato: “Adengo Xtra – Bayer – Prova in campo sperimentale su sorghetta”, ci troviamo invece a Mereto Di Tomba per una prova su campo sperimentale coltivato a mais, utile a valutare l’efficacia di Adengo Xtra sulle malerbe e, più precisamente, su un’infestante target principale: la Sorghetta. L’efficacia d’azione è stata valutata in tutte le forme vegetative di quest’ultima, sia nelle piante da rizoma che in quelle da seme.

Ad illustrarci le prove è stato Marizza Lorenzo, tecnico del Centro di Saggio SAGEA, società privata che offre servizi nei settori della Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura.

Xtra su Youtube

Cropscience Bayer

sito Sagea

sito Dekalb